Alfonso il Magnanimo. Il re del Rinascimento che fece di Napoli la capitale del Mediterraneo

AUTORE: Giuseppe Caridi

DIMENSIONE: 7,86 MB

NOME DEL FILE: Alfonso il Magnanimo. Il re del Rinascimento che fece di Napoli la capitale del Mediterraneo.pdf

DATA: 2018

ISBN: 9788869733406

Leggi il libro di Alfonso il Magnanimo. Il re del Rinascimento che fece di Napoli la capitale del Mediterraneo direttamente nel tuo browser. Scarica il libro di Alfonso il Magnanimo. Il re del Rinascimento che fece di Napoli la capitale del Mediterraneo in formato PDF sul tuo smartphone. E molto altro ancora su promoartpalermo.it.
Promoartpalermo.it Alfonso il Magnanimo. Il re del Rinascimento che fece di Napoli la capitale del Mediterraneo Image
DESCRIZIONE
Napoli divenne di fatto la capitale dei domini di Alfonso che, grazie al mecenatismo con cui accolse gli uomini di cultura, fece della sua corte un importante centro del Rinascimento italiano. Per la sua liberalità gli umanisti gli attribuirono l’appellativo di Magnanimo. "Napoli, scrive Giuseppe Caridi, divenne di fatto la capitale dei domini di Alfonso e, grazie al mecenatismo in virtù del quale accolse letterati, artisti e tecnici, la sua corte divenne «un importante centro del Rinascimento italiano». In più Alfonso adottò in campo edilizio ed economico provvedimenti che, insieme con la promozione della cultura, proiettarono potentemente la sua nuova «capitale» verso la modernità." - Paolo Mieli, Corriere della Sera Succeduto nel 1416, all’età di 20 anni, al padre Ferdinando I al vertice della Corona d’Aragona, Alfonso V nel 1420 si recò a Napoli su richiesta della regina Giovanna II, che, priva di prole, lo adottò e gli assi¬curò la successione al suo regno, a condizione che le prestasse aiuto contro il rivale Luigi III d’Angiò. Dopo tre anni, tuttavia, la volubile sovrana revocò l’adozione e il re d’Aragona ritornò in Spagna per risolvere i contrasti che nel frattempo erano insorti tra i suoi fratelli e il re di Castiglia, Giovanni II. Nel 1435, dopo la morte della regina Giovanna, partecipò contro Renato d’Angiò alla guerra di successione al trono di Napoli, che riuscì a conquistare nel 1442. Per consolidare quel trono Alfonso prese parte alle guerre che fino alla pace di Lodi del 1454 impegnarono i diversi potentati italiani, proseguendo tuttavia poi a combattere con la repubblica di Genova, i cui mercanti erano i principali concorrenti dei suoi sudditi catalani nel Mediterraneo. Napoli divenne di fatto la capitale dei domini di Alfonso che, grazie al mecenatismo con cui accolse gli uomini di cultura, fece della sua corte un importante centro del Rinascimento italiano. Per la sua liberalità gli umanisti gli attribuirono l’appellativo di Magnanimo. Controversi furono i rapporti con il papato, che gli contendeva l’alta sovranità sul Mezzogiorno d’Italia. Esortato ripetutamente a rientrare in patria, il sovrano, fino alla morte avvenuta nel 1458, malgrado l’impegno assunto non si allontanò più dal regno di Napoli, in cui vi erano i principali affetti familiari - i figli naturali e i nipoti - e soprattutto una giovane nobildonna, Lucrezia d’Alagno, della quale si era innamorato.

INFORMAZIONE

SCARICARE LEGGI

Alfonso il Magnanimo. Il re del Rinascimento che fece di ...

Altro Collezionismo; Armi e Forze Speciali; Attualità - Economia; Mezzi Militari; Storia Militare; Ideologie politiche; Multimediale; Novità

Alfonso il Magnanimo | Dipartimento di Studi storici ...

Scopri Alfonso il Magnanimo. Il re del Rinascimento che fece di Napoli la capitale del Mediterraneo di Giuseppe Caridi: spedizione gratuita per i clienti Prime e per ordini a partire da 29€ spediti da Amazon.

LIBRI CORRELATI

La mentalità dell'alveare.pdf

Mani sul parto, mani nel parto. Mantenere normale la nascita.pdf

Shorinji kempo.pdf

Bruuum! Il mio primo libro sonoro della città! Scorri e ascolta.pdf

Stilose e fashion. L.O.L. Surprise! Con adesivi. Ediz. a colori.pdf

Eroica. La gloria di Napoleone. Vol. 8.pdf

Un mondo senza povertà.pdf

Liberarsi dai sensi di colpa. Come smascherare i «venditori» dei sensi di colpa e ritrovare serenità.pdf

Commenti ai libri di Boezio «De trinitate», «De ebdomadibus».pdf

Ninnananna ninna-o. I buchini.pdf

Il mio ricordo degli eterni. Autobiografia.pdf